Skip to main content

I dati rappresentano la vera ricchezza di un business. Partendo dalle principali cause della perdita dei dati aziendali, ecco alcuni consigli su come prevenirle e cosa fare per recuperare dei dati in caso di incidenti.

Le aziende crescono di pari passo con i loro dati, poiché le informazioni consentono realmente di trasformare le ipotesi in azioni mirate e concrete. Essi aiutano inoltre a migliorare le procedure interne, oltreché a conoscere il proprio mercato di riferimento, così da avere l’opportunità di tentare di anticipare le sue future evoluzioni e individuare le migliori strategie per stare al passo con i competitor.

I dati possono provenire da tutti i dipartimenti, basti pensare alle vendite, agli acquisti, al lancio di offerte promozionali, alla gestione delle giacenze in magazzino e quant’altro.

Vediamo dunque perché i dati sono importanti, le cause principali di potenziali perdite e alcuni consigli su come muoversi per il recupero dei dati.

Perché i dati sono importanti per il funzionamento di un’azienda

I dati rappresentano l’elemento chiave del buon funzionamento di qualunque azienda, in quanto consentono di orientarsi verso le migliori scelte strategiche non solo per ampliare il proprio raggio di clienti, ma anche per affermarsi nel relativo settore di competenza.

Solo attraverso il dati si acquisisce il “potere” di comprendere le reazioni dei mercati e la percezione che questi hanno dei vari marchi, così da identificare le motivazioni che spingono i consumatori all’acquisto di un certo bene e/o servizio.

Altrettanta importanza la meritano le statistiche, tramite le quali si captano i principali target di riferimento come età, sesso, abitudini e stili di vita. Non a caso i piani di marketing sono sempre più orientati verso la data driven decision, ovvero le decisioni basate proprio sui dati e, al fine di potenziare il processo innovativo e di sviluppo. Numerose imprese stanno investendo nella Data Science, ossia in professionisti capaci di interpretare al meglio le informazioni.

Perdita dei dati aziendali principali cause

Le principali cause di perdita dei dati aziendali sono da attribuire ai seguenti fattori:

  • Attacchi informatici e furto di dati: gli attacchi hacker sono senza ombra di dubbio tra le prime ragione di perdita dei dati. I suddetti possono provenire da malwareransomware e email sospette, che sfruttano le falle del sistema per insidiarsi al suo interno, creare problemi e rubare le informazioni sensibili.
  • Errore umano: succede più spesso di quanto si possa pensare, che collaboratori e dipendenti cancellino i dati aziendali per sbaglio, oppure per semplice negligenza, oppure diventino inconsapevolmente il veicolo attraverso il quale hacker riescono a penetrare nei sistemi. Uno dei modi più efficaci per prevenire episodi del genere è rappresentato da un’opportuna formazione del personale. Meglio investire in una formazione adeguata piuttosto che subire ingenti danni dovuti a errori generati dall’inesperienza.
  • Rottura o danneggiamenti dei dischi rigidi: gli hard disk possono danneggiarsi per le più svariate ragioni (o anche per la semplice usura frutto del tempo). I problemi possono riguardare sia il versante software, che l’hardware del device (ad esempio cadute e urti accidentali degli apparecchi). Al fine di arginare il più possibile tali avvenimenti, conviene implementare sistemi periodici ed efficienti di backup dei dati aziendali.
  • Calamità naturali: visto che incendi, allagamenti o terremoti alluvioni non possono essere previsti, bisogna salvaguardare i dati aziendali attraverso l’adozione di strategie preventive come, ad esempio, i già citati backup o server ubicati in zone geografiche distanti dalle sedi operative.
  • Corruzione del sistema operativo: sebbene si agisca attenendosi a tutte le regole della buona condotta, può capitare che il sistema operativo subisca delle corruzioni causate da software danneggiati, problematiche legate all’alimentazione e aggiornamenti fallaci.

Per approfondire, vedi anche: I backup standard non bastano più.

Come recuperare i dati aziendali

Per il recupero dei dati è possibile servirsi di appositi software pensati ad hoc, spesso scaricabili anche gratis, ma devono essere maneggiati con estrema cura, pena il potenziale peggioramento della situazione. Anche di fronte a software professionali e di ottima fattura, l’insidia maggiore legata al loro utilizzo è la sovrascrizione dei dati.

Si rivela invece una decisione assai migliore rivolgersi ad aziende specializzate nel recupero dati (come Recovery File), le quali dispongono sia di personale qualificato, sia all’occorrenza di camere bianche. Queste ultime, dette anche cleanroom, non sono altro che degli ambienti dove la qualità dell’aria viene costantemente monitorata, così da poter effettuare in tutta sicurezza gli interventi di recupero dati anche nei casi più delicati.

Non sono molti, in Italia, i centri di recupero dati che dispongono di camere bianche certificate ai massimi livelli. La presenza di un tale ambiente è già di per sé garanzia di professionalità ai più alti livelli.

Fonte: BitMat.it

Lascia un commento