Skip to main content

Alla presenza del Sindaco di Bari Antonio Decaro gli studenti di Poggiolevante presentano i risultati dei primi anni di attività dell’ASIRID, Alta Scuola Internazionale Residenziale per Innovatori Digitali illustrando, tra gli altri progetti, Icarius il software di UpNova Group dedicato alla pubblica amministrazione. Presenti all’evento il Dott. Giosef Perricci e Giandomenico Miccolis, amministratori di UpNova Group Srl

Icarius è una piattaforma unica che offre molteplici servizi ai cittadini. Grazie al suo assistente virtuale, i cittadini possono gestire pagamenti, appuntamenti e documenti con facilità. L’OCR consente di digitalizzare i documenti con estrema semplicità eliminando la necessità di digitare manualmente i dati. Infine, la tecnologia Blockchain garantisce la sicurezza dei dati personali e miglioramenti nella gestione dei documenti grazie alla decentralizzazione. Icarius è certamente una soluzione innovativa e completa che può migliorare in modo significativo la vita dei cittadini.

Con il Sindaco e le aziende partner, hanno commentano i progetti degli studenti ASIRID:

  • Francesco Cupertino, Rettore del Politecnico di Bari
  • Eugenio Di Sciascio, Vicesindaco di Bari
  • Domenico Laforgia, Presidente dell’Acquedotto Pugliese
  • Filippo Lanubile, Direttore del Dipartimento di Informatica dell’Università “Aldo Moro”, in rappresentanza del Rettore

L’obiettivo dell’ASIRID è trattenere i talenti al sud attraverso un contatto diretto con il mondo imprenditoriale sin dal primo anno di università. Gli studenti, infatti, oltre a frequentare le aule del Politecnico e dell’Università di Bari, dedicano parte del loro tempo a risolvere problemi reali commissionati dalle imprese che erogano borse di studio al Collegio. In questo modo si ottiene un duplice risultato positivo: ragazzi con basse disponibilità economiche possono studiare a Bari in un ambiente esigente e formativo; giovani pugliesi e lucani si convincono che sul territorio esiste un ambiente imprenditoriale vivace che può accoglierli per la loro professione futura, evitando l’emigrazione al nord o all’estero.